Aristogracchi

Follow Us

Fregola Sarda ai frutti di mare

Ricetta Fregola Sarda ai frutti di mare

Conoscete il cous cous sardo? Si chiama Fregula o se volete fregola e deriva dal latino ferculum, che può significare “briciola”, ma anche “sfregamento”.

Insomma ha a che fare con la forma e il modo di prepararla.

Le sue origini  non sono molto chiare. Forse l’hanno importata i Fenici, o magari i Cartaginesi. E se fosse nata dalle mani di una donna sarda? In Sardegna si sa, sono poche le certezze. A cosa servivano i Nuraghi? Chi erano gli Shardana? E i Giganti di Mont’e Prama? E Le Domus de Janas? E se la Sardegna fosse la leggendaria Atlantide?

Poche certezze quindi: il mare, il mirto, il porcetto e il vento.   

Torniamo alla fregola. Le prime testimonianze risalgono al X secolo. Quindi ha almeno mille anni: una vecchietta arzilla, proprio come le nonnine sarde.

La fregola veniva preparata dal Lunedì al Venerdì, perchè l’acqua il Sabato e la Domenica era tutta per i campi. Questo si evince da un documento dello Statuto dei Mugnai di Tempio Pausania risalente al XIV secolo.  Ogni tanto qualche certezza pure in Sardegna.

Arriviamo ai fatti concreti: come si prepara e si cucina la Fregola?

Il primo punto è che andrebbe fatta in casa. Certo il tempo è sempre poco, però la preparazione de sa fregula è un vero rito casalingo, che fa parte della tradizione familiare sarda.

– Tu non l’hai mai fatta in vita tua la fregola!

– Però facevo gli gnocchetti con mia nonna. Dai lasciami fare che non posso lasciarli con le mani in pasta.

– Solo una domanda. Perchè devo fare sempre la parte della rompi scatole?

… dicevamo la fregola:

Poni sa simula in sa scivedda… ops scusate.

Mettete la semola in un recipiente di terracotta e bagnate con acqua tiepida e salata. Poi lavoratela con le mani facendo un movimento circolare, una specie di sfregamento, sino a ottenere delle piccole sfere irregolari. Lasciate asciugare e poi tostate in forno per 15 minuti.

Più semplice del previsto.

– Non hai risposto… e il mio ruolo non sembra cambiare!

…una volta che la fregola è bella dorata e tostata siamo pronti per la nostra ricetta.

#AristoKitchen
presenta

la fregola sarda risottata ai frutti di mare

Schermata 2018-01-19 alle 15.18.06

 (per 4 persone)

La ricetta tipica è con le arselle, ma noi abbiamo voluto caricarla un po’, aggiungndo cozze, gamberi e calamari.

✔️ 1 kg di frutti di mare.

✔️ 300 gr di fregola. Naturalmente la quantità dipende dalla fame.

✔️ 2 pugni di pomodorini

✔️ 1 spicchio d’aglio.

✔️ 3 cucchiai d’olio evo.

✔️sale, prezzemolo e peperoncino.

Fate spurgare i frutti di mare in acqua e sale per circa 2 ora, cambiandola di tanto in tanto per eliminare la sabbia, poi sciacquate sotto acqua corrente.

Mettete i frutti di mare in padella, coprendoli con un coperchio e cucinate finchè non si aprono. Basteranno pochi minuti.

Conservate il sughetto che si sarà creato e sgusciate i frutti di mare, lasciandone qualcuno intero.

In un’altra padella, intanto, rosolate aglio, olio e peperoncino. Aggiungete la fregola e fatela tostare.

Dopo averli lavati e tagliati, aggiungete i pomodorini alla fregola e sfumate con il sugetto che avete conservato e filtrato con un colino a maglie strette o con una garza.

Lasciate cuocere per 20 minuti aggiungendo un po’ di brodo bollente, per evitare che si asciughi e salate a piacimento.

Noi 5 minuti prima che le fregola fosse pronta abbiamo aggiunto gamberi e calamari.

Sul finale aggiungete i frutti di mare, fate risottare per bene  e spegnete la fiamma.

Spolverata di prezzemolo, filo d’olio a crudo et voilà… Est prontu su mandhigu.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *