Aristogracchi

Follow Us

Crostata con crema e more

IMG_3304

Crostata con crema (light)

Perché la crema light? Semplice, la risposta sta nella definizione di ‘pigrizia’ – Di persona che, per natura, rifugge dalla fatica, dallo sforzo, dall’impegno fisico o intellettuale, e dall’azione in genere. –

Insomma, a casa non c’erano le uova e a nessuno andava di fare quei faticosissimi 50 metri per andare a comprarle.


Prima però pensiamo alla frolla.

Ingredienti:

300 g di farina 00

150 g di burro freddo

3 tuorli (piccoli) (fortuna che almeno queste c’erano, se no avremmo avuto la versione extralight)

buccia gratuggiata di 1 limone

1 pizzico di sale

150 g di zucchero semolato

Unire tutti gli ingredienti, eccetto la farina, sul piano di lavoro e cominciare a impastare. Quando il burro comincia ad ammorbidirsi, unire la farina e impastare sino a formare una pasta compatta.

Coprire con la pellicola e far riposare in frigo (potete anche conservare l’impasto in freezer se non volete usarlo subito).

Per la cottura in bianco (senza ripieno): scegliere lo stampo che più vi piace, noi in questo caso abbiamo optato per uno rettangolare (in silicone), stendere la nostra frolla, punzecchiare con una forchetta, adagiarci sopra dei legumi secchi (per evitare che la pasta si gonfi) e infornare per circa venti minuti a 180 gradi.

A questo punto possiamo passare e lei:

– la crema –

Ingredienti:

500 gr di di latte parzialmente scremato

3 cucchiai di maizena

4 cucchiai di zucchero

buccia di un limone grattugiata

Unire l’amido e lo zucchero, versare il latte poco per volta in modo da non formare grumi. Amalgamare il tutto, unire la buccia di limone, e mettere sul fuoco il pentolino a fiamma bassa. Continuare a mescolare finché la crema non raggiunge la consistenza adeguata.

La frolla è ancora in forno?

Recuperatela, fatela riposare, raffreddare (non come noi che per la fretta l’abbiamo tranciata a metà – tanto una volta farcita e agghindata per bene non si vede). Chiamate qualche amico e dategli appuntamento per un tè, nell’attesa stendete la crema sulla pasta frolla e decoratela a vostro piacimento; noi abbiamo usato le more.

IMG_3276

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *